Bowl cut: un taglio che fa innamorare dagli anni Sessanta!

  • Condividi questo articolo :

Amato dalle star e proposto sulle passerelle autunnali, il bowl cut è il taglio corto diventato icona negli anni Sessanta. Scopri di più su questo taglio dall’attitudine rock!

I capelli corti sono spesso sinonimo di mood sbarazzino che regala a chi li porta uno stile particolare e speciale. Tra le varie alternative c’è il bowl cut, detto anche “taglio a 5 punte”, che prevede per chi lo sceglie i capelli sfilati sulla nuca e la parte anteriore e superiore della testa più piena, con una frangia lineare poco o per nulla frastagliata, caratteristica non facile da mantenere per chi ha i capelli mossi o ricci.

Chiamato anche taglio “boule”, o semplicemente “a scodella”, il bowl cut è una versione più ribelle e futuristica del caschetto anni Venti, un fuori dagli schemi se si considera la sua data di nascita. Questo tipo di hairstyle, infatti, venne richiesto per la prima volta nel 1963 da Mary Quant, conosciuta in tutto il mondo per aver inventato la minigonna. Un gesto rivoluzionario che la modella Peggy Moffit prese da esempio e che rese così celebre da trasformarlo in un’icona.

pony tailcoda alta wavy coda alta



Ancora oggi questo tipo di taglio corto è molto utilizzato e i più famosi hair stylist non hanno rinunciato nel corso del tempo a rivisitare questo look aggiungendone caratteristiche rock e frizzanti. Alcune alternative al classico bowl cut, in effetti, prevedono una frangia asimmetrica, colorata e a volte accompagnata dalla scelta di una tonalità biondo platino. Adatto a far risaltare un carattere forte e orgoglioso, il bowl cut può essere valorizzato anche da colpi di luce e, per i più vicini al mood glam e punk, dalla scelta di radere le tempie per esaltare la frangia. Alcune rivisitazioni di questo taglio prevedono anche la scelta di tagliare il ciuffo sul lato, lasciando però la frangia piena e voluminosa.

Oltre alla predilezione per i capelli lisci, questo taglio è adatto soprattutto per chi ha capelli non troppo folti, per evitare l’effetto casco che rovinerebbe la natura di questo hairstyle. Per chi ha una chioma fluente e piena, infatti, è consigliabile un taglio stile “caschetto” e l’aiuto di una mini piastra per dare al proprio look uno stile più ordinato.

  • Condividi questo articolo :